Indietro

CONSIDERAZIONI PERSONALI

La sleeve e il by-pass funzionano: calo ponderale importante e in tempi brevi.

Più invasivi e con maggiore impegno operatorio sia da parte del chirurgo che da parte del paziente (sei-sette giorni di ricovero, due giorni col sondino naso-gastrico) ma qualità di vita post-operatoria migliore  e paradossalmente con meno complicanze post operatorie rispetto al bendaggio.

Ho la sensazione che l'alimentazione post operatoria dipenda meno dalla volontà del paziente. Una Sleeve o un by pass ben calibrato inducono veramente un senso di sazietà o meglio fanno capire quando è il caso di smettere di mangiare perchè troppo pieni (e questo avviene precocemente avendo ridotto notevolmente il volume dello stomaco).

Nel dimagramento post operatorio esiste, a mio parere,  un problema  e cioè che non si riesce a stabilire quando si smetterà di perdere peso: se il paziente continua a perdere anche dopo aver raggiunto un peso ottimale e non riesce ancora a mangiare quantità soddisfacenti di cibo gli si dice di mangiare calorico ma se smette precocemente di perdere peso o, peggio, lo riprende cosa si fa?

In altre parole con questi interventi si ha un calo ponderale precoce e importante ma non si riesce a definire quando questo calo cesserà.

Altra questione: nel by-pass la perdita di peso dipende solo dalla restrizione dello stomaco o anche dal malassorbimento? In effetti una condizione di malassorbimento spiccata nel by-pass non si è mai verificata ( si ha si perdita di peso ma non si manifesta una sindrome da malassorbimento carenziale e non si ha diarrea) e si verifica l'arresto di calo ponderale nel momento in cui viene a mancare la componente restrittiva per dilatazione, in un tempo più o meno breve, della neotasca gastrica.

Differenze tra sleeve e by pass:

Chirurgiche: nella sleeve solo una cucitura seppur lunga. Nel by-pass 2 anastomosi e 1 sutura: Sutura e anastomosi sono in chirurgia punti di debolezza e pertanto origine di complicanze anche severe nell'immediato post-operatorio.

Il calo ponderale nel by pass è inizialmente più veloce e maggiore ma negli anni si tende a riprendere una parte, seppur genericamente piccola del peso perso.

Nella sleeve si perde meno velocemente ma sembra che non ci siano grosse differenze nella perdita di peso totale: diverse casistiche indicano perdite ponderali analoghe a lungo termine tra i due interventi.

Nel by-pass lo stomaco defunzionalizzato viene lasciato in sede ma, proprio perchè escluso dal transito alimentare,  non può essere più studiato con i più convenzionali e usuali metodi diagnostici; patologie gastriche future non potranno essere diagnosticate.

 

...e, in sintesi, altre comparazioni con il bendaggio:

Il bendaggio è l'intervento meno invasivo e necessita di due giorni di ricovero senza sondino naso grastrico.

Sleeve e by pass: sei-sette giorni di ricovero con due giorni di sondino naso-gastrico. L'intervento è più impegnativo e demolitivo.

Il bendaggio va regolato spesso, se troppo largo non funziona e se troppo stretto fa vomitare. Le complicanze post operatorie sono relativamente frequenti.

Difficilmente ho visto pazienti con bypass o sleeve ben eseguite lamentarsi  di star male o vomitare. A lungo andare sono interventi meglio tollerati e con qualità di vita migliore rispetto al bendaggio.

Ma attenzione sembrava che la Sleeve potesse essere l'intervento risolutore di molti problemi: ma c'è un problema e cioè che è difficile una giusta calibrazione della manica di stomaco; se è stretta, ma di poco stretta, si ha difficoltà ad alimentarsi ( ma niente paura: con sistemi endoscopici si può facilmente dilatare) se è larga, ma di poco larga, si perde poco peso (e allora non è definitiva ma precursore di altro intervento).